14. Luglio 2015 · Commenti disabilitati su Sanità: barricate M5S in aula contro la “riforma truffa” di Maroni-Formigoni! · Categorie:Sanità

11701224_1620777388181329_468951874827727923_n

La riforma della sanità di Maroni, in discussione da oggi in Consiglio Regionale, non smantella il sistema formigoniano ma accelera la privatizzazione messa in atto da Roberto Formigoni. Chiediamo a Maroni, in difficoltà nel soddisfare le richieste cielline e dei privati, di rispedire il testo di legge in Commissione. Sulla sanità i lombardi chiedono un cambio di passo e il superamento di un sistema che ha generato fin qui scandali e la sottrazione di risorse pubbliche a favore di aziende private. Questa legge invece mantiene in vita il poltronificio sanitario lombardo e il clientelismo dei partiti e introduce inutili e meccanismi di controllo.

Se così non fosse, se intenderanno approvare una legge che non migliorerà i servizi nell’ambito socio-sanitario lombardo, promettiamo a Maroni un “Vietnam” in aula, giorno e notte, per ostacolare il testo della maggioranza a favore delle proposte emendative, a misura di cittadino, del Movimento 5 Stelle:

1) impossibilità di aprire un servizio sanitario privato immediatamente dopo che è stato tolto lo stesso servizio a una struttura pubblica

2) l’agenzia di controllo deve essere indipendente e controllare gli enti erogatori

3) istituzione di un osservatorio epidemiologico che renda pubblici tutti i dati sulla Sanità lombarda

4) uffici di pubblica tutela dei cittadini

5) maggior coinvolgimento dei medici di famiglia per la sanità territoriale

6) ticket progressivi in base al reddito

7) stabilizzazione del personale precario

A meno di un atteggiamento più dialogante della Maggioranza, non concederemo sconti, a costo di sacrificare le nostre notti in Consiglio Regionale. Eccellenza non può essere sinonimo di ticket eccessivi, liste d’attesa infinite che magicamente scompaiono pagando la prestazione a una struttura privata, pronto soccorso intasatissimi, appalti truccati e direttori generali indagati. I lombardi meritano davvero di più!

11743011_1620800868178981_5422596183735742125_n

Commenti chiusi