Prendendo spunto da una comunicazione della Commissione Europea sul tema dell’incenerimento dei rifiuti, un paio di mesi fa avevo presentato un’interrogazione (citata in questo post) con la quale sollecitavo il Presidente Maroni e la Giunta regionale a rilanciare il tema del decomissioning degli inceneritori più vecchi, emanando le linee guida previste dal Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (PRGR) del 2014 e attese ormai da ben 3 anni!

Nei giorni scorsi è arrivata la risposta: dopo un lungo preambolo ricco di belle parole l’assessore regionale Terzi si limita ad affermare che Regione Lombardia “valuterà come procedere nell’attuazione del proprio programma di gestione dei rifiuti nell’ambito dei limitati spazi d’azione consentiti dal decreto per l’aggiornamento del fabbisogno residuo di incenerimento.”

Siamo passati dalle dichiarazioni bellicose del 2014 dell’Assessore al Bilancio Garavaglia sullo Sblocca Italia (“Noi non accetteremo che arrivino rifiuti da altre regioni. Piuttosto boicottiamo gli impianti.”) ad un laconico “valuteremo come procedere” di oggi.

Per quanto mi riguarda, se dopo 3 anni la Giunta dichiara di essere ancora ferma alle “valutazioni” significa una cosa sola: ci stanno prendendo in giro!

Risposte di questo tenore potevano essere credibili all’inizio della legislatura ma oggi, con la prospettiva del voto tra meno di un anno, è evidente che Maroni non ha alcuna volontà di portare a termine quello che aveva iniziato: il resto sono solo chiacchiere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *