carpooling

Nei giorni scorsi ho depositato in Consiglio regionale un progetto di legge sul car pooling dal titolo ‘Promozione dell’uso condiviso dei veicoli privati’, assegnato alla commissione Territorio.

Sappiamo tutti che grandi arterie da e per Milano nelle ore di punta sono piene di auto con un solo conducente: l’obiettivo del progetto di legge è proprio favorire una razionalizzazione mezzi privati con la condivisione dello stesso percorso, al fine di ridurre non solo il traffico e l’inquinamento, ma anche i costi di trasporto.

Si tratta di una applicazione al settore del trasporto della cosiddetta sharing economy, una forma di economia della condivisione in via di diffusione soprattutto nei Paesi del Nord Europa e negli Stati Uniti, e su cui, come accade spesso in tema di innovazione, l’Italia è rimasta indietro.

Basta analizzare un po’ di dati per capire quali vantaggi porterebbe la diffusione del car pooling. La mobilità nel nostro paese e’ sempre più un fenomeno locale con spostamenti a breve raggio che, per lo più, avvengono all’interno della città o nel suo hinterland, e la somma degli spostamenti passeggeri al di sotto di 10 Km vale infatti il 70% del totale. Quindi aumentare il tasso di occupazione dei veicoli in città e zone limitrofe, che oggi è pari a 1,2 passeggeri, comporterebbe un immediato abbattimento della congestione del traffico veicolare e dell’inquinamento, un risparmio energetico nonché una riduzione del rischio di incidentalità e un’ottimizzazione dei parcheggi. Insomma, se viaggiassimo con automobili piene, condividendo i posti liberi, risparmieremmo nel nostro Paese ogni anno  ben 40 miliardi di tonnellate di CO2!

Il nostro progetto di legge assegna alla Regione un ruolo centrale per informare i cittadini e favorire concretamente il cambio di marcia.

Ora che la nostra proposta è stata depositata dovrà essere discussa in commissione, speriamo il prima possibile: ci aspettiamo una risposta positiva da tutte le forze politiche.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *