the-carbon-footprint2

Ho chiesto che la Regione dia un segnale concreto verso la sostenibilità ambientale! Dobbiamo dare l’esempio se vogliamo essere credibili nei confronti dei cittadini e delle imprese lombarde!

——-

OGGETTO: Carbon management di Palazzo Pirelli.

Egregio Presidente del Consiglio Regionale,

i cambiamenti climatici in atto rendono necessari interventi di riduzione delle emissioni dei gas clima-alteranti.  Gli impegni volti alla riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra, stanno assumendo un ruolo sempre più significativo; difatti, attraverso il programma Horizon 2020, l’Unione Europea, entro il 2020, intende ridurre le emissioni di gas ad effetto serra del 20% rispetto ai livelli del 1990, con un’ulteriore riduzione di emissioni dell’80-95% entro il 2050.

La stessa Regione Lombardia, attraverso il Programma Energetico Ambientale Regionale in via di approvazione, riconosce come obiettivo dell’intera programmazione strategica energetica il minor consumo di fonti fossili e la minimizzazione della CO2 emessa. Tra le misure previste spiccano infatti il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici e l’efficientamento degli impianti termici civili.

Esiste uno strumento di misura, rendicontazione e baseline per la riduzione delle emissioni di CO2 equivalente prodotte da un sistema, detto Carbon Footprint (CF, impronta di carbonio) o impronta climatica, che sta alla base di progetti di carbon management, che possono essere adottati da imprese ed Enti pubblici, volti a raggiungere una maggiore efficienza e conseguente un minore costo in termini di consumi energetici.

Il tema del risparmio energetico e della sostenibilità sono pertanto importantissimi e attuali più che mai. Sarebbe un segnale forte e davvero significativo da parte del Consiglio regionale se si decidesse di intraprendere il percorso del “carbon management”, partendo dal calcolo della Carbon Footprint  di Palazzo Pirelli.

Il Centro Polaris dell’Università di Milano Bicocca, recentemente ospitato in VI Commissione Ambiente per un’audizione, è in grado di calcolare la Carbon Footprint di un’organizzazione e di individuare le misure di “carbon management” necessarie alla razionalizzazione dei consumi energetici, al miglioramento del sistema di gestione rifiuti e della mobilità, al fine di intraprendere un percorso verso una maggiore efficienza e sostenibilità.

Si tratta di un prestigioso centro di ricerca universitario pubblico con il quale potrebbe nascere una preziosa collaborazione, i cui effetti potrebbero incidere non solo sull’impatto ambientale ma anche sui costi di gestione della nostra organizzazione.

Con la presente, pertanto, ci rivolgiamo a Lei, Presidente, per chiederLe di prendere in considerazione questo percorso per Palazzo Pirelli, come segnale per la cittadinanza e le imprese lombarde.

Se le Istituzioni cominciano a fare la loro parte e dare il buon esempio sarà più semplice poi chiedere di fare lo stesso ai cittadini e alle imprese.

La direttrice del Centro Polaris, la Professoressa Marina Camatini, è a disposizione per qualsiasi necessità di approfondimento.

Grati per l’attenzione che vorrà riservare alla presente, porgiamo i nostri migliori saluti.

 

Milano, 03/02/2015

 

I consiglieri regionali

Gianmarco Corbetta

Andrea Fiasconaro

Giampietro Maccabiani

Silvana Carcano

Paola Macchi

Iolanda Nanni

Stefano Buffagni

Eugenio Casalino

Dario Violi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *