incen 093

Grandissimo risultato!!! Grandissima vittoria!!!

Qui il testo approvato.

COMUNICATO STAMPA
Oggi il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato definitivamente una risoluzione – nata per iniziativa del MoVimento 5 Stelle – che prevede la dismissione di parte del parco inceneritori lombardo, stante il forte squilibrio previsto nel prossimo futuro tra la capacità di incenerimento presente nella nostra regione e la produzione lombarda di rifiuti urbani residui. Le sollecitazioni del Movimento per un piano di dismissione degli impianti hanno convinto le forze politiche e la risoluzione che ne è scaturita, dopo un lungo lavoro di mediazione, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio.

Gianmarco Corbetta, consigliere del Movimento 5 Stelle Lombardia, dichiara: “Siamo più che soddisfatti per il risultato ottenuto a cui hanno contribuito tutte le forze politiche presenti in Regione. Si tratta di un provvedimento che segnerà una svolta storica nella gestione dei rifiuti in Lombardia (e, come naturale conseguenza, in tutta Italia). L’aver puntato pesantemente per decenni sull’incenerimento è costato alla nostra regione il primato della raccolta differenziata: eravamo primi 20 anni fa, ora siamo stati superati da Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Piemonte ma potremmo perdere anche il quinto posto in classifica a beneficio della Sardegna e delle Marche! Finalmente con questo provvedimento si volta pagina: dopo il trentennio degli inceneritori, si può aprire l’epoca della raccolta differenziata spinta e del recupero di materia dai rifiuti, a tutto beneficio dell’ambiente e della salute dei cittadini.”

Ora spetta alla Giunta regionale individuare i tempi e i modi per attuare il piano di dismissione. I criteri per individuare gli impianti da chiudere sono contenuti nel provvedimento appena approvato in Consiglio: si partirà dai meno efficienti sotto il profilo ambientale. “Legambiente – prosegue Corbetta – ha appena pubblicato un dossier sul tema della dismissione degli impianti lombardi: emerge chiaramente che l’inceneritore di Desio è il più inquinante di tutti per quanto riguarda le polveri sottili. Per Legambiente i primi da chiudere sono quelli di Desio, Busto Arsizio (VA), Parona (PV) e Cremona. Credo che la chiusura di Desio in tempi brevi sia nell’ordine naturale delle cose, i sindaci di centro-sinistra che hanno recentemente approvato il folle piano industriale di Bea (che prevede il potenziamento e il prolungamento in vita per altri 18 anni dell’impianto) escano dal sonno della ragione in cui sono caduti da troppo tempo”.

21 commenti

  1. Antonio Leanza

    BRAVISSIMO!!!

    Rispondi

  2. Daniele Cirucca

    ottimo risultato

    Rispondi

  3. Luigia Magni

    Bellissimo regalo natalizio!!!!

    Rispondi

  4. Ottimo lavoro!!!

    Rispondi

  5. Bene! Ma non molliamo la presa. Ora massima attenzione sulla Giunta affinché metta in pratica il piano di dismissioni con le delibere attuative. Ciao Morris

    Rispondi

  6. Meraviglioso!
    Non aspettavo altro che mettermi i rifiuti in giardino.
    poi ci chiediamo perchè le nostre acque sono inquinate.
    E’ giusto puntare sul riciclo e differenziazione ma perchè togliere gli inceneritori?

    Rispondi

    • Giulia,
      il perché lo capisci se leggi il testo del documento approvato (il link è nel post), vedrai che i rischi che paventi non esistono proprio.
      Ciao, Gianmarco

      Rispondi

  7. fate chiudere anche quello di bolzano e non venite al mercatino basyardi

    Rispondi

  8. Francesco Sartini

    Tenacia, forza di volontà, competenza e la spinta che deriva dell’onestà con cui si portano avanti le proprie posizioni portano a risultati inimmaginabili. Oltre che una vittoria per l’ambiente, un segnale forte che si può fare! Grazie Gianmarco! Grazie MoVimento!

    Rispondi

  9. Bravissimi!!!!! e un grazie enorme!!!!

    Alessandro

    Rispondi

  10. giuseppe nasti

    bravi questa è la strada giusta.

    Rispondi

  11. Complimenti…….. siete stati eccezionali!!! Stanno forse capendo che il riciclo delle materie prime seconde è l’unica via di rilancio….. grazie a tutti voi!

    Rispondi

  12. Gennaro amiranda

    Come abbiamo già detto,le cose stanno già cambiando. Essere nei palazzi del potere obbliga gli altri a considerare proposte che possono essere condivise dato che vanno nella direzione giusta. Grazie al gruppo dei portavoce in Regione Lombardia.

    Rispondi

  13. Quando si voterà per dismettere i filtri anti particolato delle auto (fap) che sono dei mini-termovalorizzatori e creano solo tumori?

    Rispondi

  14. Sono stracontenta!!!!!!!
    posso svegliarmi, aprire la finestra, e finalmente annusare aria sana e pulita,visto che vivo a 4 km in linea d’aria da Merone.
    Grazie dell’impegno civile dei nostri attivisti ambientali.
    Dobbiamo impegnarci tutti x inquinare di meno cambiando le nostre cattive abitudini

    Rispondi

  15. Morena Ormini

    Finalmente una buona notizia. Sono d’accordo con il letargo mentale di alcuni Sindaci. Meno male che ce ne sono altri che si stanno muovendo.
    Saluti e ringraziamenti dal profondo sul di Pavia.

    Rispondi

    • Morena Ormini

      riscrivo: profondo sud di Pavia!

      In Italia chi vuole ce la fa e due sere fa sono pure stata contentissima si sentire a Report il servizio sul polo di eccellenza di meccatronica in Puglia.
      I risultati delle persone di buona volontà si vedono e anche in fretta.

      Rispondi

  16. Certo come no, tanto i rifiuti TOSSICI li portate tutti da NOI in CAMPANIA… vero?

    Rispondi

  17. Walter Ghiotti

    Certo son contento anch’io, però vorrei sapere, dopo la dismissione di più inceneritori, come si risolverà il problema della quantità di rifiuti giornaliera? Dove hanno pensato di metterli ?..E ancora, perché pare che gli inceneritori tedeschi inquinino quasi niente ed invece i nostri fan venire il cancro? A chi mi risponde, grazie.

    Rispondi

  18. Pingback: COLPO GOBBO DEI FURBETTI DELL’INCENERITORINO DI DESIO! | Gianmarco Corbetta

  19. Pingback: Raccolta rifiuti 2 | ilcapdilimbiate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *