13 marzo

Non siamo ancora entrati in Consiglio Regionale e già hanno cominciato a bastonarci. L’altro giorno è toccato a Eugenio Casalino, definito il portaborse in carriera del nostro consigliere comunale di Milano, Mattia Calise.
Oggi hanno alzato il tiro ed è toccato a me, sulle pagine del quotidiano “Libero”: http://www.infonodo.org/node/36209

Naturalmente è tutta merda ma non posso lasciare correre, lo devo alla mia storia personale e alla mia famiglia, in particolare alla mia compagna che proviene da una famiglia che ha fatto la storia della Resistenza nel nord di Milano (http://www.comune.cusano-milanino.mi.it/spipnew/spip.php?article725).

Per chi non mi conoscesse, questa è la foto delle mie tessere di iscrizione all’Anpi, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia:
http://photos4.meetupstatic.com/photos/event/5/7/a/highres_213541402.jpeg

Ecco una mia foto durante il corteo della Festa della Liberazione il 25 aprile 2011:
http://photos2.meetupstatic.com/photos/event/6/9/2/highres_213541682.jpeg

Da me è partita la proposta di appoggiare, come Movimento 5 Stelle, l’Anpi di Bovisio Masciago nel suo presidio contro l’intitolazione di un edificio pubblico a Gianfranco Ratti, ex sindaco bovisiano e fervente fascista:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/lombardia/2012/10/solidarieta-allanpi-di-bovisio-masciago.html

E questa è la mia dichiarazione durante la presentazione dei candidati del MoVimento alle Regionali, 15 febbraio 2013:
“Io sono iscritto all’Anpi del mio comune, mi sento profondamente antifascista, sono in questo movimento da 5 anni, conosco praticamente tutti in Lombardia e sono tutte persone profondamente antifasciste. Io non mi sarei mai impegnato in un movimento che non lo fosse in maniera estremamente chiara.”
http://youtu.be/2EqXnWLRd4g (dal minuto 39 e 38 secondi)

Ci tengo infine a precisare in maniera molto chiara che nessuno dei nove consiglieri regionali lombardi del Movimento 5 Stelle ha mai avuto a che fare con il signor Roberto Jonghi Lavarini, né in generale con movimenti o partiti di destra, più o meno estrema.

Stiamo valutando se ci sono gli estremi per una denuncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *